maxresdefault (1)Cineforum “Contaminazioni dalla strada”, 3 appuntamenti con il cinema presso la sede dell’associazione “Una Pagani Migliore” di via Zito n°44 a Pagani. Il ciclo prevede la proiezione di 3 film particolarmente incentrati sul mondo della strada e le sue contaminazioni. Anche il tema della dodicesima edizione del COFFI – CortOglobo Film Festival Italia, che si terrà al Castello Doria di Angri dal 25 al 27 maggio, sarà la “Contaminazione”.

Si inizia giovedì 11 maggio con la proiezione del docufilm “Robinù” scritto e diretto dal giornalista Michele Santoro. Nel film a parlare sono i napoletani di alcuni dei quartieri più poveri e con il maggiore tasso di criminalità e di presenza camorristica. In particolare sono i baby-boss a esporsi in primo piano, raccontando il loro passato – che da adolescenti o poco più è già intenso come quello di una vita intera – o la naturale successione di eventi che li ha portati a impugnare la prima volta una pistola – all’età in cui la pubertà è appena arrivata -, a costruirsi un codice d’onore naturale per il quartiere, o la famiglia in cui sono cresciuti, ma con pochissimo a che fare con concetti come la legalità. Spesso vengono da contesti disagiati, cresciuti da uno solo dei genitori (quando sono fortunati), privi di figure di riferimento se non gli amici di strada, in qualche caso di qualche anno più grandi, e già “arruolati”, che diventano mentori.

Giovedì 18 maggio, invece, sarà il turno di “Certi Bambini”, film del 2004 diretto da Andrea Frazzi e Antonio Frazzi, tratto dall’omonimo romanzo di Diego De Silva. Il film parla di  Rosario, nato in una situazione di confusione e criminalità perennemente in bilico tra le cattive frequentazioni (un malavitoso che sfrutta la sua banda, la camorra) e le buone abitudini (la nonna con cui vive e di cui si prende cura, l’oratorio). Il male tuttavia diventa destino ineluttabile, laddove il degrado materiale della città allo sbando diventa anche quello morale dei ragazzini senza alcun’altra possibilità se non quella di seguire il proprio destino di piccoli delinquenti.

Martedì 23, invece, ci sarà la proiezione di “Fortapasc”, film del 2009 diretto da Marco Risi sulla breve esistenza e la tragica fine del giornalista Giancarlo Siani, interpretato da Libero De Rienzo.  Giancarlo Siani giovane giornalista napoletano che lavora nella redazione locale de Il Mattino a Torre Annunziata. I suoi articoli però infastidiscono particolarmente i boss camorristi della zona, mettendone in crisi le alleanze, fino all’arresto del boss Valentino Gionta, preso fuori Casa Nuvoletta, appartenente ai boss Lorenzo e Angelo Nuvoletta. Il suo giusto intuito lo porta anche a smascherare il sindaco di Torre Annunziata, Cassano, che viene condannato a sette anni e mezzo. Intuito giornalisti che lo portò alla morte la sera del 23 settembre del 1985

“Siamo felici di collaborare con altre realtà presenti sul territorio – afferma Gaetano Cesarano, presidente dell’associazione “Una Pagani Migliore” – Crediamo che il cineforum possa essere un’attività importante che spinga alla riflessione in merito alle tante problematiche che vive la nostra società. Speriamo in una forte partecipazione della cittadinanza”.

“Sono felice di poter portare le attività del COFFI anche in altri contesti e città vicine – afferma entusiasta il direttore del CortOglobo Film Festival Italia, Andrea Recussi – Contaminazione, il tema dell’edizione di quest’anno, significa anche questo. I tre appuntamenti faranno da apripista per la dodicesima edizione del COFFI. Speriamo che anche attraverso questo cineforum si possa continuare a sensibilizzare le vecchie e nuove generazioni all’amore per l’arte, per la cultura e per il cinema”.